La preghiera di Orpedi

Riccardo Lanzotti (portiere, 1996)

L’Us San Felice ha ingaggiato il portiere Riccardo Lanzotti, classe 1996, ex giovanili del Modena, Padova e Imolese, nella prima parte della stagione alla Casalgrandese.  La Gazzetta di Modena riprende la comunicazione dell’Us San Felice in merito, e ricorda gli ultimi infortuni, quello di Gilli (osso del piede scheggiato) e quello di Cremaschi (taglio al collo del piede suturato in ospedale). oltre a quello del portiere Xhoxha che ha portato alla scelta di Lanzotti. Un elenco infinito, che passa ad esempio per gli infortuni dei due nuovi attaccanti ingaggiati nel mercato di dicembre (D’Este e Traorè), per la fattura alla gamba di Martini, per le assenze o gli acciacchi ormai cronici dei vari Casoni, Barbalaco, Pelacani… Una situazione solo in parte compensabile dall’arrivo dei giovani Gonzalez (ex Berretti Modena) e Acquafresca (ex Under 19 Sassuolo) e da quello di Mazzini (ex Rosselli Mutina). Una situazione che ha dell’inverosimile, del malefico. Al punto che Orpedi Jesi (in realtà lo pseudonimo su internet di un attento conoscitore del calcio giallorosso), a significare una situazione oltre ogni limite, ha deciso di commentare in modo assolutamente sorprendente la notizia della Gazzetta. Come? Trascrivendo per intero due preghiere, il Padre Nostro e l’Ave Maria, riportate sulla pagina facebook della Gazzetta, dedicato al calcio dilettanti. Come dire, non ci resta che chiedere la grazia, anche perchè l’analisi delle immagini dei filmati di domenica scorsa confermano purtroppo le impressioni, ovvero gli errori decisionali della direzione di gara che hanno, ancora una volta, penalizzato l’Us San Felice. I racconti in settimana dei giocatori poi riferiscono di frasi ed atteggiamenti decisamente censurabili, durante la partita in questione (quella della sconfitta inopinata con l’Agazzanese). A Bibbiano, dove il San Felice si presenterà con tanta Juniores, ci andrà accompagnato dalle preghiere di Orpedi. la cui identità resta nascosta, meno della sua fede, conclamata dalla puntuale conoscenza delle preghiere in questione.

Eccellenza, tre punti amari

L’esultanza dei giallorossi dopo il gol

SAN MICHELESE-SAN FELICE 0-2
Sanmichelese: Giaroli, Vacondio, Bursi, Vernia, Andreoli, Zagnoni, Caselli, Cristiani (65’ Rinieri), Pioppi (16’ Saccani), Casta, Puglisi (88’ Pellesi). A disposizione: Righi, Galanti, Meglioli, Achiq, Rinieri. All: Frigieri.
San Felice: Baia 7, Mazzini 6.5, Sarti 6, Kharmoud 6.5 (88’ Marino), Martini NG (16’ Marchesini 6.5), Ficarelli 7, Stabellini 6 (75’ Traorè), Lartey 7.5, Gilli 6 (76’ D’Este), Cremaschi 6, Zanini 5.5. A disposizione: Pivanti, Pelacani, Gonzalez. All: Galantini.
Arbitro: Giuseppe Sangiorgi di Imola
Reti: 34′ Lartey, 46′ Kharmoud
Note: ammoniti Zagnoni (SM), Andreoli (SM), Martini (SF) e Sarti (SF); angoli 5-4; spettatori 150 circa.

SAN MICHELE. Il San Felice espugna lo Zanti di San Michele grazie ad una rete per tempo e vince il derby modenese guadagnando tre punti nella corsa salvezza ma potrebbero non servire, a causa del grave errore del Castelfranco, che ha schierato uno squalificato e perderà a tavolino la partita con il Pallavicino, tra le concorrenti dei giallorossi della Bassa. Altro scivolone tra le mura amiche invece per una Sanmichelese ancora in emergenza a causa di diversi infortuni e decisamente in un periodo negativo.
Al 13’ Martini entra in tackle su Pioppi di sinistro ma perde l’appoggio sul campo sintetico e gli rovina addosso con la gamba destra. L’arbitro lo ammonisce, ma il giocatore sanfeliciano si procura una gravissima frattura a tibia e perone, e anche Pioppi è costretto ad uscire. Il San Felice comunque è più convincente e alla mezz’ora Zanini che mette la palla in area con un rasoterra non trovando però nessun compagno. Il San Felice cresce ancora, comincia a guadagnare campo e a prendere fiducia; al 31’ Stabellini si libera a sinistra e calcia verso la porta, ma Giaroli para senza troppe difficoltà. Tre minuti più tardi i giallorossi sbloccano il match con Lartey che dagli sviluppi di una punizione riceve palla, conclude di potenza e con la complicità di una deviazione spiazza l’estremo difensore di casa per l’1-0. Gli ospiti prendono ritmo e mantengono per larghi tratti il possesso della sfera non dando la possibilità alla Sanmichelese di creare occasioni per pareggiare prima del termine della prima frazione di gioco. Il secondo tempo si apre con l’immediato raddoppio del San Felice; Saccani, entrato per sostituire lo sfortunato Pioppi, sbaglia completamente un intervento difensivo regalando palla a Kharmoud che non spreca l’opportunità e trafigge per la seconda volta Giaroli. I ragazzi di mister Frigieri provano a scuotersi immediatamente con Vernia che vede il taglio di Puglisi e lo serve bene, ma la conclusione dell’attaccante sassolese finisce sull’esterno della rete. Al 53’ altra grossa disattenzione della Sanmichelese, questa volta Caselli si fa soffiare il pallone troppo facilmente da un’incontenibile Lartey che dal limite colpisce in pieno la traversa. Ci riprovano poi i padroni di casa; Casta dopo una galoppata sulla fascia destra del campo lascia partire un cross preciso sulla testa ancora di Bursi, che non impatta con decisione il pallone. Nove minuti più tardi Casta addomestica la sfera al limite dell’area e lascia partire un diagonale che non impensierisce il portiere ospite.

San Felice-Fiorano 0-1 GUARDA IL VIDEO

Eccellenza, che beffa col Fiorano

SAN FELICE-FIORANO

SAN FELICE 0 FIORANO 1
SAN FELICE: Baia 6, Sarti 5.5 (76′ D’Este 5.5), Beqiraj 6, Mazzini 5.5, Martini 6, Ficarelli 6.5, Kharmoud 5.5 (84′ Stabellini), Larthey 6.5, Gilli 6, Cremaschi 5.5, Zanini 5.5 (76′ Marino). A disposizione: Pivanti, Marchesini, Gonzalez, Casoni. Allenatore: Galantini (squalificato)
FIORANO: Antonioni, Costa, Hajbi, Alicchi, Saetti Baraldi, Budriesi, Cavallini (72′ Algeri), Baldoni, Dapoto (58′ Ficarelli), Ansaloni, Tardini. A disposizione: Bonadonna, Canalini, Cattabriga, Khalifi, Barbati. Allenatore: Fontana
ARBITRO: Mescoli di Modena
RETI: Ansaloni (F) al 91′
NOTE: Ammoniti: Ficarelli (S), Larthey (S), D’Este (S), Ansaloni (F). Espulso Beqiraj (S) a partita già finita. Galantini in tribuna perchè squalificato. Spettatori 150 circa.

SAN FELICE. Il derby tra San Felice e Fiorano si conclude con una incredibile beffa per i padroni di casa che escono sconfitti per 1-0 all’ultimo respiro con un gol contestatissimo. L’episodio che decide il match avviene al 91′: palla alta sulla trequarti destra sulla quale due giocatori vanno a contrasto, il guardialinee ben appostato lì vicino sventola la bandierina ravvisando un fallo ai danni del fioranese Algeri, tutti si fermano per qualche secondo aspettando il fischio dell’arbitro che però non arriva; Ansaloni allora, che si trova la palla tra i piedi, prosegue involandosi verso la porta e trafiggendo Baia tra le proteste accesissime di tutti i giocatori sanfeliciani.
La cronaca. Il San Felice parte subito col piglio giusto e dopo tre minuti ha la prima palla gol quando, sugli sviluppi di un corner, la sfera carambola sui piedi di Zanini che da due passi non riesce ad impattare. I locali tengono in mano il pallino del gioco provando a fare la partita ma il Fiorano è ben disposto in campo e non concede grosse opportunità, costringendo spesso gli avversari a lanci lunghi sui quali le torri biancorosse non hanno problemi. Bisogna aspettare la mezz’ora per vedere un’azione concreta: bella azione di Cremaschi che si divincola bene sul lato corto di destra dell’area di rigore e mette un cross sulla testa di Zanini il quale colpisc però debolmente, facile presa per Antonioni. Gli ospiti mettono la testa avanti solamente al 37′ con una punizione dalla trequarti sulla quale Budriesi colpisce di testa centralmente. All’inizio della ripresa il copione non cambia ed è così che al 55′ sono ancora i padroni di casa a rendersi pericolosi: capitan Cremaschi scende sulla sinistra e serve Gilli che mette un pallone insidiosissimo in area ma nessuno riesce a trovare la deviazione vincente. Un minuto dopo Zanini ci prova dal limite ma la conclusione è debole. Finalmente il Fiorano prende un po di coraggio, al 63′ la conclusione dalla distanza di Alicchi finisce alta mentre al 69′ lo stesso centrocampista non è preciso con una punizione a giro. Al 73′ Cremaschi per la testa di Ficarelli, ma anche in questo caso non ha problemi Antonioni a bloccare. Gli uomini di Fontana guadagnano metri ed al 79′ hanno una chanche con Ansaloni che si ritrova fortuitamente il pallone tra i piedi davanti a Baia ma l’estremo difensore lo anticipa mettendo in corner. Al 91′ l’epilogo già raccontato in precedenza con l’ex Ansaloni che regala i tre punti ai suoi.
(tratto dall’articolo sulla Gazzetta di Alex Cavazzoli)

San Felice-Casalgrandese 3-1 GUARDA IL VIDEO

Eccellenza, la vittoria che fa sperare

San Felice-Casalgrandese: maglie che nell’area ospite si allungano…

SAN FELICE CASALGRANDESE 3-1
SAN FELICE: Baia 6, Sarti 6, Beqiraj 6.5, Mazzini 7, Barbalaco 6 (59′ Marchesini 6.5), Martini 6, Kharmoud 6.5, Lartey 7, Gilli 6.5 (68′ D’Este 7), Cremaschi 6, Zanini 7 (88′ Zanoli). A disposizione: Xhoxha, Marino, Paganelli, Moutassime.
Allenatore: Galantini
CASALGRANDESE: Taglini, Gamba, Sganzerla, Quitadamo (71′ Bellei), Bega, Guicciardi, Mirra, Vaccari, Aracri (84′ Zinani), Quartaroli (77′ Fennino), Fabbri. A disposizione: Novielli, Zangone, Contini, Gazzani.
Allenatore: Cifarelli
ARBITRO: Lauri di Modena
RETI: Zanini (S) al 22′ e al 66′, Aracri (C ) rig. al 32′, Kharmoud (S) all’80’.
NOTE: Ammoniti: Baia (S), Beqiraj (S), Quitadamo (C ), Vaccari (C ). Spettatori 100 circa.

SAN FELICE. Il San Felice comincia bene il nuovo anno imponendosi per 3-1 in casa contro il fanalino di coda Casalgrandese in un incontro dominato per larghi tratti. Iniziano col piglio giusto i padroni di casa e, dopo una conclusione a lato di Lartey, arriva la prima vera palla gol col cross di Beqiraj sui piedi di Mazzini che calcia al volo ma il pallone viene respinto daL difensore Bega a due metri dalla linea. Due minuti dopo su corner Gilli si inventa una splendida rovesciata a centro area ma la sfera termina di poco alta sopra la traversa. La prima mezz’ora è un monologo dei ragazzi di Galantini ed al 22′ arriva il meritato vantaggio: cross perfetto di Mazzini dalla destra che pesca Zanini sul palo opposto, l’attaccante si tuffa ed insacca di testa. Il San Felice non si ferma, due minuti dopo lo stesso Kharmoud dopo una bella azione conclude rasoterra ma Taglini gli nega la doppietta. Al 32′ però al primo squillo ospite arriva l’inaspettato pareggio: traversone di Aracri dalla destra, Baia in uscita atterra Fabbri e l’arbitro indica il dischetto ammonendo il portiere locale; dagli undici metri Aracri trasforma sotto l’incrocio dei pali. La Casalgrandese prende coraggio e prima del duplice fischio ci prova con la conclusione di Mirra bloccata da Baia. La ripresa si apre con una grossa occasione per il San Felice, Kharmoud mette un cross teso in area sul quale si avventa Beqiraj che da pochi passi calcia clamorosamente fuori di un soffio. Al 55′ sfiorano il gol gli ospiti col tiro-cross di Quitadamo che attraversa tutta l’area piccola e si spegne sul fondo senza che nessuno trovi la deviazione vincente, mentre un minuto dopo Aracri ne dribbla due in area ma Lartey salva tutto. Da qui alla fine è un assedio dei ragazzi di Galantini: al 64′ ci provano prima Zanini poi Gilli ma Taglini respinge entrambi i tiri; al 66′ arriva il 2-1 con un gol fotocopia al primo e con gli stessi interpreti, Kharmoud che crossa per Zanini colpo di testa in diagonale e la doppietta personale. Al 69′ il neo entrato D’Este, in ottima forma, sfrutta una pessima uscita di Taglini ma calcia fuori a porta sguarnita. La gara viene definitivamente chiusa all’80’, filtrante di D’Este dopo una sequenza di dribbling per Kharmoud che trafigge Taglini per il meritato 3-1 finale. Il mister giallorosso Galantini è soddisfatto:«sapevamo di poter avere qualche difficoltà legate alle incognite di inizio anno ma la squadra ha risposto bene dal punto di vista della corsa e del palleggio meritando questa vittoria. L’obiettivo è di arrivare nei playout nella miglior posizione possibile».
Tratto dall’articolo di Alex Cavazzoli sulla Gazzetta di Modena

San Felice-Salsomaggiore 0-3 GUARDA IL VIDEO

Pivanti: “San Felice, devi crederci”

Fabio Pivanti

Fabio Pivanti è da quest’anno consigliere dell’Us San Felice, oltre che dirigente accompagnatore, dalla prima squadra alla Juniores. Ex imprenditore, conosce il calcio da tanti anni.

Cominciai a Cavezzo – racconta Fabio, negli anni Settanta. Ricordo che venivo a San Felice a prendere Gianluca Stabellini che giocava quell’anno nelle nostre giovanili. A Cavezzo sono rimasto alcuni anni, poi lavoravo a Rovereto, così con altri amici mi fu chiesto di dare una mano. Fondammo la Roveretana, che arrivò anche in Promozione, facendo un buon lavoro con le giovanili. Poi, per ragioni di lavoro, ho smesso, e ho ripreso a seguire il calcio quando mio figlio Tommaso ci si è dedicato. Lo scorso anno è arrivato qui a San Felice, dove ho trovato persone leali, dove mi sono trovato bene e dove ho accettato volentieri di dare il mio contributo
Parliamo del campionato. Domenica disastro a Rubiera
Ci siamo trovati di fronte avversari sicuramente più attrezzati, tra quelle sette otto squadre che aspirano legittimamente ad una categoria superiore. Avversari apparsi in verità anche più motivati, più determinati, che hanno saputo punire ogni nostro errore. Nel secondo tempo, quando hanno calato il ritmo, si è visto qualcosa di meglio, e abbiamo limitato il passivo.
Hanno esordito i due nuovi arrivati. Prima impressione?
D’Este mi è piaciuto, per impegno e determinazione. I due gol gli valgano come stimolo, come necessario spirito di servizio alla squadra che trova riscontro. E’ presto invece per giudicare Mazzini, non ha ancora il ritmo partita e come è ovvio che sia in pochi giorni non poteva entrare da subito nelle dinamiche del nostro gioco
Arriva il Salsomaggiore
Appartiene all’altro campionato, quello alla nostra portata, quello di chi lotta per evitare i play out o almeno la retrocessione diretta. E’ un appuntamento importante, che il San Felice non può fallire. Dobbiamo puntare al massimo risultato
Ma questo San Felice si salverà?
Partiamo dal presupposto che se l’anno scorso non eravamo dei fenomeni, ma abbiamo fatto bene, quest’anno non possiamo essere dei brocchi. Ci hanno penalizzato alcuni infortuni, ma il gruppo si sta riprendendo, e si tratta di ottimi ragazzi. Io sono fiducioso, alla prima di ritorno avremo in casa la Casalgrandese, che è in grande difficoltà. Sarà una partita da non sottovalutare, tutt’altro, ma sarà anche l’occasione per rimettersi in carreggiata. Con l’organico al completo sapremo dire la nostra. Anche perché, non dimentichiamolo, il San Felice ha un valore aggiunto, ovvero mister Maurizio Galantini.

Eccellenza, strapazzati a Rubiera

RUBIERA. San Felice preso a schiaffoni a Rubiera, da una Folgore che risolve la partita in neppure 20’, e ridimensiona le speranze dei giallorossi di agganciare la zona salvezza entro il girone d’andata. Tanto che la gara di domenica prossima con il Salsomaggiore si annuncia come uno spartiacque. Giallorossi come al solito incompleti – l’ultima novità è che il classe 1999 Bottoni dovrà sottoporsi ad un’operazione all’ernia – che schierano da subito nel ruolo di titolari D’Este e Mazzini. L’attaccante chiude con una sterile e tardiva doppietta, ma ha mostrato notevole impegno, pur se la intesa con Gilli è ancora di là da venire. Schierato esterno di centrocampo, Mazzini appena arrivato invece è apparso ancora fuori dagli schemi, soffrendo come tutti la maggiore fisicità dei lanciatissimi reggiani di Vacondio. Pronti via e la Folgore mette la super nel motore. In un paio di occasioni i giallorossi di Galantini sbrogliano senza problemi, ma al 5’ capitolano: tiro centrale da fuori, la palla deviata dalla difesa si impenna e carambola dentro l’area proprio sui piedi di Greco. Stop, mira e palla nell’angolo destro di Xhoxha. Il San Felice prova a riorganizzarsi, subisce un’altra infilata da destra con Greco che manda fuori di poco il cross basso ma su una ripartenza al 9’ capitola ancora. Punizione sulla tre quarti destra per la Folgore, i reggiani battono in fretta con il compagno di squadra ancora a terra e perdono la palla. Ma l’arbitro fa ripetere. Schema da tiro, palla in area rasoterra e indietro per Hoxha che da fuori area fa partire un tiro rasoterra centrale: Xhohxa si inginocchia per la presa ma la palla gli sfugge e rotola beffardamente a fil di palo, in porta. San Felice ko, i reggiani volano, specie sul fronte d’attacco destro, con Hoxha e Barozzi cui si oppone una difesa lenta sulle ripartenze. E’ lo stesso Barozzi poco dopo a colpire da fuori l’incrocio esterno dei pali. Così, da un errato passaggio di Ficarelli a Marchesini a metà campo, Barozzi prende palla e diventa irraggiungibile. Fin dentro l’area dove si aggiusta la mira e di nuovo pesca l’angolo destro della porta ospite: 3-0, dopo una ventina di minuti. E gara virtualmente chiusa, per valori e percentuale di errori visti in campo. Il San Felice abbozza qualche manovra, sfiora il gol su corner quando d’Este viene steso al momento dell’incornata e quando lo stesso D’Este, in tuffo di destra manda di poco altro un traversone da destra. Ma nulla più. Nella ripresa Galantini sostituisce Marchesini e Ficarelli, ma la musica è la stessa. Fuga sulla destra del veloce Rota, palla in mezzo e tra portiere e difesa passivi è ancora di Barozzi il tocco del 4-0. Il tempo di vedere Lusoli spedire alle stelle un facile 5-0 che la Folgore frena e il San Felice si vede di più. La rete del 4-1 è frutto di una veloce entrata in area di Mazzini, su lancio traversale da sinistra. Il neoacquisto giallorosso viene atterrato da tergo. E del rigore di fa carico D’Este. Mancano 20’ alla fine e la partita si fa di nuovo divertente, con azioni su ambo i fronti. Il San Felice colpisce una traversa con Cremaschi di testa su traversone da destra e sfiora il gol sempre di testa con Pelacani, su corner da sinistra. Xhoxha ferma di piede il quasi omonimo albanese e avversario su un corner regalato per un’altra incomprensione difensiva. Nel recupero, sugli sviluppi da calcio d’angolo, dopo una bella parata di Burani D’Este sigla il diagonale la sua doppietta. Boccone meno amaro, ma comunque amaro per un San Felice che senza ritmo e cuore non può spaventare gente d’alto bordo come i reggiani.

FOLGORE RUBIERA 4 SAN FELICE 2
FOLGORE RUBIERA. Burani, Rota, Dallari, Orlandini (55’ Piacentini), Agrillo, Tognetti, Lusoli (90’ Fornaciari), Bassoli, Greco (88’ Blotta), Barozzi, Hoxha. A disp. Rizzo, Paglia, Bruce. All. Vacondio (in panchina Siligardi)
SAN FELICE: Xhoxha 5, Martini 5-5, Marchesini 5 (46’ Sarti), Mazzini 5, Ficarelli 5(46’ Kharmoud), Pelacani 5, Beqiraj 5 (80’ Stabellini), Zanoli 5 (87’ Moutassime), D’Este 6, Cremaschi 5, Gilli 5 (63’ Zanini). A disp.Pivanti, Barbalaco. All. Galantini
RETI: 5’ Greco, 9’ Hoxha, 19’, 50’ Barozzi, 67’ (rig) e 92’ D’Este
ARBITRO: Cavallo di Bologna (Alzapiedi e Ritorto di Parma)
NOTE: Ammoniti Marchesini, D’Este, Sarti, Hoxha, Tognetti. Spettatori 70, terreno in buone condizioni

Eccellenza, la vittoria con la Fidentina


SAN FELICE 2 FIDENTINA 1
SAN FELICE: Xhoxa 7, Sarti 5.5, Marchesini 6, Zanoli 6.5, Martini 6.5, Ficarelli 6, Kharmoud 6, Beqiray 6, Gilli 7 (81’ Pelacani), Cremaschi 6, Zanini 5.5. A disposizione: Pivanti, Paganelli, Bottoni, Marino, Stabellini, Moutassime. All. Galantini
FIDENTINA: Ghiretti, Tonofrei, Adolfo (78’ Tortora), Spagnoli, Longhi (75’ Ferrari), Petrelli, Viani, Mazzera, Pasaro, Ferretti, Provenzano. A disp. Scalabrini, Masseroni, Rizzi, Romanini, Maisanche. All. Montanini
ARBITRO: Gavino di Sassari
RETI: Gilli al 6’, Ferretti (rig) al 32’, Gilli ( rig) al 47’

SAN FELICE. Importantissimo successo in chiave salvezza per il San Felice che si impone per 2-1 sulla Fidentina. Partita iniziata con mezz’ora di ritardo in quanto sul terreno di gioco è dovuto atterrare l’elisoccorso del 118 per i soccorsi ad una persona che risiede nei presi dello stadio.
La cronaca. I padroni di casa iniziano forte e dopo soli 6’ sono gia in vantaggio: su un lancio dalle retrovie, svarione di Adolfo che fa partire involontariamente Gilli il quale si invola verso la porta, dribbla il portiere ed insacca. La Fidentina prova a reagire senza successo, sono ancora i locali ad andare vicini alla rete al 20’ col colpo di testa di Cremaschi agguantato dal portiere. Al 32 viene assegnato un calcio di rigore agli ospiti per un fallo dubbio di Martini su Provenzano; dagli 11 metri Ferretti batte Xhoxa. L’ultima occasione di un primo tempo molto vivace capita sulla testa di Provenzano che non riesce però a girare in rete.
La ripresa si apre con un altro rigore, stavolta assegnato ai ragazzi di mister Galantini per un fallo di Longhi su Zanini; dal dischetto Gilli spiazza il portiere, trovando anche la doppietta.
La Fidentina reagisce ed ha una grossa occasione al 55’ quando Xhoxa compie un intervento miracoloso sul tiro a giro di Petrelli destinato sotto l’incrocio dei pali. Ci prova anche Ferretti qualche minuto più tardi ma calcia a lato, mentre al 61’ si rifà vivo il San Felice: suggerimento di Gilli per Zanini che di testa non riesce a superare Ghiretti. Nellìultima mezz’ora gli ospiti si riversano in avanti ma non riescono a creare veri e propri pericoli, a parte la conclusione dal limite di Viani di poco fuori. L’ultima opportunità arriva sui piedi dello stesso Viani che da buona posizione all’interno dell’area fa partire un sinistro sul quale Xhoxa vola deviando in angolo. Gli ultimi assalti sono vani, il muro sanfeliciano regge bene permettendo così di portare a casa tre punti vitali.

(TRATTO DALL’ARTICOLO DELLA GAZZETTA DI MODENA A FIRMA ALEX CAVAZZOLI)

Go to Top